Nonostante le recenti truffe nel settore, il primo trimestre del 2023 ha visto un notevole calo degli attacchi hacker alle criptovalute.

In un rapporto pubblicato dalla Global Cyber Alliance, il numero totale di attacchi informatici legati alle criptovalute è sceso a poco più di 1300, rispetto ai quasi 1800 riportati nel quarto trimestre del 2022 e agli oltre 3800 dello stesso periodo dell’anno precedente.

La maggior parte di questi attacchi ha preso di mira borse e portafogli e la maggior parte di essi proveniva da hacker opportunisti che cercavano di approfittare di sistemi non protetti.

La diminuzione degli attacchi degli hacker è dovuta a vari fattori quali:

  • il miglioramento delle misure di sicurezza adottate dalle istituzioni legate alle criptovalute.
  • l’autenticazione a due fattori che richiede agli utenti di confermare la propria identità prima di effettuare una transazione.
  • i servizi di portafoglio multi-firma adottati da molti utenti di criptovalute come ulteriore livello di sicurezza
  • la diminuzione dei prezzi delle criptovalute nel corso del trimestre che ha scoraggiato l’attività degli hacker. I prezzi più bassi hanno comportato minori incentivi per gli hacker a prendere di mira gli utenti di criptovalute.

Nel complesso, la diminuzione degli attacchi hacker è un segnale positivo per il settore delle criptovalute e per i suoi utenti.

Il calo è stato registrato in diversi settori, tra cui finanza, sanità e vendita al dettaglio.

Plus500

  1. Piattaforme intuitive
  2. Gamma di strumenti finanziari CFD
  3. Ecco una demo gratuita per esercitarti

82% dei conti al dettaglio di CFD perdono denaro.

Si ritiene che la diminuzione degli attacchi sia dovuta a una maggiore consapevolezza da parte delle aziende dell’importanza dei protocolli di sicurezza informatica e a un livello più elevato di investimenti nel settore della sicurezza informatica.

Il calo degli attacchi di hacker nel mondo delle criptovalute è stato più evidente nel settore finanziario, con una diminuzione del 39% degli attacchi segnalati rispetto al trimestre precedente.

Questo dato comprende sia casi di ransomware che di furto di fondi di criptovaluta da portafogli o scambi.

Il settore sanitario ha registrato un calo del 24% degli attacchi segnalati, mentre le aziende di vendita al dettaglio hanno registrato una riduzione del 15%.

Impatto delle Sanzioni sugli Hacker

Come riportano tanti portali di news finanziarie, l’azione esecutiva contro Tornado Cash da parte dell’Ufficio del Tesoro statunitense per il controllo dei beni esteri (OFAC) ha avuto un impatto significativo sulla quantità di furti di criptovalute segnalati negli ultimi tre mesi.

L’azione dell’OFAC ha limitato fortemente l’accesso a tutti i servizi offerti da Tornado Cash, che è un servizio di miscelazione (o “mixer”) che fornisce l‘anonimato per le transazioni di criptovalute.

Senza questo servizio gli hacker non sono in grado di mescolare i fondi e sono costretti a conservarli o a spenderli in modi che possono essere tracciati.

Inoltre, l’arresto di Avraham Eisenberg in Israele, un sospetto criminale informatico legato a molteplici furti di criptovalute e schemi di riciclaggio di denaro, ha avuto un effetto sull’attività degli hacker negli ultimi tre mesi.

L’arresto è visto come una vittoria importante nella lotta contro la criminalità informatica in quanto ha scoraggiato in modo significativo le attività criminali legate all’hacking delle criptovalute.

Tuttavia la società di sicurezza blockchain Certik invita alla prudenza indicando questa tendenza come transitoria.

Purtroppo, l’attività di hacking rimane comunque troppo vantaggiosa soprattutto se coperta da Paesi con una legislazione compiacente che traggono vantaggio da questa attività criminale che permette loro di aggirare in parte le sanzioni internazionali da cui sono colpiti per ragioni geopolitiche.

Prudenza, continuo miglioramento dei protocolli di sicurezza, maggior consapevolezza da parte degli utenti e un miglior coordinamento legislativo e di indagine a livello internazionale rappresentano un mix efficace nella lotta contro il furto e la contraffazione di criptovalute.

Queste misure sono essenziali per mitigare il rischio e mantenere gli utenti al sicuro da attacchi informatici.