La Banca centrale degli Emirati Arabi Uniti (CBUAE) ha lanciato la propria criptovaluta nel febbraio 2023. L’idea del Paese si aggiunge a quella varietà di criptovalute proposte dai banchieri centrali in tutto il mondo.

Il lancio della valuta fa parte del “Regolamento completo sui prodotti di mercato” della Dubai Virtual Assets Regulatory Authority (DVARA). 

La CBUAE è responsabile della regolamentazione dei servizi bancari e finanziari negli Emirati Arabi Uniti. 

La banca è anche responsabile della definizione della politica monetaria negli Emirati Arabi Uniti, della gestione delle riserve, dell’emissione di valuta, della promozione della stabilità dei mercati finanziari, della registrazione delle banche e di altre istituzioni autorizzate e della fornitura di servizi finanziari.

Il Programma della CBUAE 

Gli EAU lanceranno la propria criptovaluta, chiamata “emCash“. Si tratta della prima moneta digitale basata sulla blockchain ad essere emessa da una banca centrale del Medio Oriente. 

La CBUAE ha dichiarato che questa criptovaluta sarà utilizzata per le transazioni quotidiane compresi i pagamenti fiscali.

La CBUAE ha collaborato con Emcredit, una filiale del Dipartimento per lo Sviluppo Economico di Dubai, per emettere e gestire il denaro virtuale

La criptovaluta sarà alimentata dalla tecnologia blockchain ed è progettata per facilitare transazioni veloci, sicure e trasparenti, più economiche rispetto ai metodi di pagamento tradizionali. 

La fase successiva prevede lo sviluppo di infrastrutture digitali come:

  • un cloud finanziario
  • una piattaforma di pagamenti istantanei
  • una piattaforma di finanza aperta

Il lancio della nuova criptovaluta fa parte di un più ampio sforzo del governo degli Emirati Arabi Uniti per diventare un leader globale nell’innovazione tecnologica finanziaria.

La CBUAE spera che l’introduzione di questa nuova valuta digitale renderà le transazioni più sicureefficienti e convenienti per gli utenti. 

Altre Iniziative del Programma 

La strategia mira ad accelerare l’uso della tecnologia blockchain nelle transazioni governative, concentrandosi su quattro aree principali: 

  1. finanza 
  2. pagamenti e rimesse 
  3. registrazione delle imprese 
  4. gestione delle licenze e gestione dei dati.

La CBEAU ha lanciato una propria criptovaluta in collaborazione con altre banche degli Emirati Arabi Uniti (la Abu Dhabi Commercial Bank, la Dubai Islamic Bank, la Emirates NBD e la Banca Centrale degli EAU). 

La CBEAU ha dichiarato che la moneta non sostituirà le valute nazionali esistenti, ma servirà piuttosto come opzione di pagamento aggiuntiva per i clienti con l’obiettivo di servire meglio le esigenze dei vari stakeholder.

Il “Regolamento sui Prodotti del Mercato Completo”

L’autorità di regolamentazione dei beni virtuali di Dubai (DVARA) ha pubblicato il 7 febbraio 2023 il “Regolamento sui prodotti del mercato completo” che comprende la guida completa sulle attività delle risorse virtuali per i progetti che operano all’interno dell’emirato. 

Le leggi includono il divieto di emettere “criptovalute potenziate dall’anonimato”, anche comunemente soprannominate “monete per la privacy” e attività correlate.

Trova il broker finanziario più adatto a te

Gli esperti di Tokize hanno recensito i migliori portali di trading online

Saqr Ereiqat, co-fondatore di Crypto Oasis, ha recentemente dichiarato a Cointelegraph che le privacy coin sono diverse da Bitcoin ed Ether dove è possibile tracciare le transazioni. 

Le privacy coin potrebbero infatti consentire attività potenzialmente illecite.

Questa normativa mira a garantire che tutti gli asset cripto, dalle valute digitali alle ICO e ai token di sicurezza, siano emessi con una protezione adeguata per gli investitori.

Il regolamento è stato concepito anche per garantire che tutti gli asset cripto siano conformi agli standard e ai regolamenti in materia di antiriciclaggio e di lotta al finanziamento del terrorismo, nonché a quelli emessi da organizzazioni internazionali come il GAFI, il Gruppo Egmont e Wolfsberg.

L’ingresso della CBUAE nel mercato delle criptovalute è una pietra miliare per la regione e sarà osservato con attenzione dalla comunità mondiale delle criptovalute. Sarà molto interessante vedere quali settori, da quello petrolifero all’industria big tech del Paese, saranno in grado di beneficiare di questo nuovo strumento.

Si prevede che questo sviluppo normativo porterà a una maggiore adozione delle criptovalute in Medio Oriente, nonché a una maggiore sicurezza e trasparenza per tutti gli asset cripto. 

L'autore

Gianluca L.

Gianluca Longinotti è un analista e consulente con due master in finanza conseguiti all'Université Paris 1 Panthéon-Sorbonne. Con diversi anni di esperienza nei settori bancario e IT presso Ernst & Young (EY), Gianluca è appassionato di economia, finanza e criptovalute, e ha scritto per diverse pubblicazioni specializzate nel settore degli investimenti.