Nel contesto economico attuale, il gigante della finanza JPMorgan (da poco entrato nel mondo blockchain) ha più volte espresso una visione cauta, ma ottimista sui prossimi movimenti di Wall Street. Nonostante le incertezze legate all’economia globale e le tensioni geopolitiche, la banca ritiene che ci siano ragioni valide per mantenere un approccio positivo verso i mercati azionari.

JPMorgan aveva previsto che l’S&P 500, un indice rappresentativo delle 500 più grandi società quotate sul NYSE o NASDAQ, un calo dell’8% nel 2024, a causa di un’economia “difficile”. La banca guidata da Jamie Dimon aveva previsto un livello target per l’S&P 500 di 4.200 punti, in netto calo rispetto alle valutazioni attuali.

Nonostante questa previsione, JPMorgan sostiene che vi siano numerose opportunità d’investimento interessanti, soprattutto per investitori che sanno personalizzare le loro scelte di investimento. È importante notare che le previsioni dei mercati finanziari sono sempre soggette a variabili impreviste, quindi è fondamentale avere una gestione attenta del portafoglio.

Inoltre, è importante notare che le banche statunitensi, tra cui JPMorgan, hanno ripreso i buyback dopo lo stop imposto dalla Fed a causa del Covid. Questo è un segnale positivo per gli investitori, poiché indica che le maggiori banche hanno fiducia nella loro capacità di generare profitti e restituire capitale ai loro azionisti e che i rischi di credito sono circoscritti alle sole banche regionali.

Il Cambiamento di Prospettive

Nel panorama economico e finanziario attuale, il trading desk di JPMorgan ha recentemente invertito la rotta, passando da una posizione cauta a una visione più rialzista sulle azioni. Questo cambiamento di prospettiva è avvenuto principalmente a causa della mancanza di convinzione in un approccio eccessivamente conservativo che era stato adottato dalla seconda metà di gennaio.

Le ragioni di questo cambiamento possono essere rintracciate in vari fattori:

  • I risultati trimestrali di JPMorgan hanno superato le aspettative, con entrate per 1,5 miliardi di dollari nel settore dell’investment banking, rappresentando un aumento dell’11% su base annua.
  • L’aumento dell’occupazione negli Stati Uniti e l’aumento della produzione industriale indicano un segnale di recupero dell’economia.
  • L’aumento degli utili dichiarati dalle big tech come Apple, Meta e Microsoft ha anche contribuito a rafforzare la fiducia degli investitori e degli analisti che sembrano non tener conto dell’impatto dell’inflazione sull’incremento di tali valori. In questo frangente, è importante sottolineare come altri operatori abbiano visioni diverse da quelle di JPMorgan (si pensi, ad esempio, al pessimismo di Barclays su Apple).
  • La capacità dimostrata dagli hedge fund di generare rendimenti superiori al mercato, noti come ‘alfa’, attraverso l’uso di strategie di investimento efficaci e ben congegnate. Questa abilità degli hedge fund non solo dimostra la loro competenza nel navigare nei mercati finanziari, ma offre anche una visione incoraggiante per gli investitori, suggerendo che ci sono opportunità per ottenere rendimenti superiori nonostante le sfide economiche attuali.

Numerose sono le ragioni per essere ottimisti sui prossimi movimenti di Wall Street. Nonostante le incertezze legate all’economia globale e alle tensioni geopolitiche (spesso protagoniste nei principali portali di news finanziarie), l’approccio rialzista adottato dal trading desk di JPMorgan indica una fiducia rinnovata nei mercati azionari. Con una gestione del portafoglio personalizzata e attenta, gli investitori possono navigare con successo nel panorama economico attuale.

Binance

  1. Ampia varietà di criptovalute
  2. Piattaforma sicura e affidabile
  3. Servizio clienti h24

L'autore

Gianluca L.

Gianluca Longinotti è un analista e consulente con due master in finanza conseguiti all'Université Paris 1 Panthéon-Sorbonne. Con diversi anni di esperienza nei settori bancario e IT presso Ernst & Young (EY), Gianluca è appassionato di economia, finanza e criptovalute, e ha scritto per diverse pubblicazioni specializzate nel settore degli investimenti.