Gianluca L. Contenuto verificato da Gianluca L.
Ultimo aggiornamento: 18 marzo 2024
8 minuti

Poco dopo la sua creazione nel 2019, la piattaforma FTX exchange è diventata una delle più importanti nel mondo delle criptovalute. Tuttavia, solo alcuni mesi dopo, nel novembre 2022, uno scandalo a catena e varie azioni straordinarie hanno portato FTX alla bancarotta. Nonostante le promesse che poteva sembrare offrire, la piattaforma FTX exchange ora appartiene al passato. Nel frattempo, la maggior parte degli investitori presenti su questa piattaforma centralizzata non ha ancora recuperato i propri fondi, e diversi membri fondatori del progetto stanno affrontando gravi problemi legali. Questo è il caso del fondatore e CEO Sam Bankman-Fried, o SBF abbraviando con le sue iniziali.

Mentre vi presentiamo ciò che costituiva la forza di questa CEX, torniamo allo scandalo FTX e agli sviluppi di tutta questa storia monumentale che ha innegabilmente messo a dura prova l’universo delle criptovalute. Se desiderate sapere tutto sulla FTX criptovaluta, è ovvio che la conoscenza di un tale fallimento è necessaria, poiché ha inevitabilmente segnato la storia di queste nuove tecnologie criptografiche e di tutti i loro attori.

FTX cripto previsioni mostrati in sei schermi  e Sam bankman che li osserva

Un ritorno al passato: cos’era la piattaforma FTX exchange?

Iniziamo con una panoramica generale dell’exchange FTX. Che aspetto aveva questa exchange ormai inaccessibile e quali erano le sue principali funzionalità?

Generalità

Prima del famigerato caso FTX, si trattava di una piattaforma di trading di criptovalute che offriva prodotti avanzati, tra cui prodotti derivati, opzioni e token con leva finanziaria.

Secondo CoinMarketCap, FTX exchange si posizionava (prima del fallimento) al terzo posto tra le piattaforme di scambio di criptovalute spot con un punteggio di 8,2/10, subito dietro ai giganti Binance e Coinbase.

Nel suo apice, FTX comprendeva:

  • 1,2 milioni di utenti
  • Un volume di transazioni giornaliere di circa 1,75 miliardi di euro (secondo i dati di CoinMarketCap)
  • Oltre 100 mercati spot
  • Oltre 250 contratti futures.

FTX exchange offriva diversi tipi di prodotti e servizi legati alle criptovalute, tra cui:

  • L’acquisto e lo scambio di criptovalute tramite il mercato spot e i contratti futures
  • I pagamenti in criptovalute con la carta Visa FTX
  • La ricezione e l’invio di pagamenti in criptovalute tramite FTX Pay.

Binance

  1. Ampia varietà di criptovalute
  2. Piattaforma sicura e affidabile
  3. Servizio clienti h24

Storia

Il fondatore della piattaforma FTX, Sam Bankman-Fried, è un ex trader di Wall Street. È per questo motivo che la piattaforma si presentava all’epoca come “uno scambio di criptovalute costruito dai trader, per i trader”.

All’inizio del 2018, Sam Bankman-Fried iniziò a interessarsi alle criptovalute. Fondò una startup di arbitraggio crypto chiamata Alameda Research, che ebbe molto successo molto rapidamente.

Forte di questo successo, Sam Bankman-Fried decise di democratizzare il mondo delle criptovalute. Da questa volontà nacque la piattaforma FTX exchange l’8 maggio 2019, con Gary Wang come co-fondatore. La sede dell’azienda si trova alle Bahamas, dove Sam Bankman-Fried è stato arrestato alla fine della sua fuga.

L’ecosistema di FTX exchange: com’era?

Scopriamo gli elementi principali che componevano l’ecosistema di FTX.

Trading di criptovalute

FTX era prima di tutto una piattaforma di trading. Lo scambio permetteva di effettuare due tipi di trading di criptovalute tramite contratti futures o contratti spot. L’essenza stessa dello scambio si trovava quindi nella scheda “Mercato” di FTX.

Token FTX (FTT) criptovaluta e staking

Il token di governance della piattaforma era il token FTX (FTT). Consentiva di ottenere vari vantaggi.

Carta FTX

Ancora oggi, le carte di pagamento criptovalutario stanno diventando sempre più popolari. FTX criptovaluta aveva rapidamente aderito a questa tendenza, offrendo una carta FTX nel gennaio 2022. Ovviamente, questa carta non è più in funzione oggi.

FTX Pay

Sulla stessa linea, la funzionalità FTX Pay consentiva di ricevere o effettuare pagamenti in criptovaluta o in valuta fiduciaria in modo sicuro. Questa funzione permetteva di aprire l’ecosistema sia ai singoli utenti che a professionisti e organizzazioni che desideravano usufruire di una soluzione affidabile, veloce e sicura.

Chi è Sam Bankman-Fried?

Sam Bankman-Fried è il fondatore della piattaforma FTX exchange. Considerato una delle personalità più influenti al mondo, ha accumulato una fortuna stimata di 17 miliardi di dollari. È la figura centrale del gruppo. Nel novembre 2022 si è dimesso dalla FTX Group a seguito di problemi di liquidità che successivamente si sono trasformati in preoccupazioni sulla solvibilità. Ha perso l’intera sua fortuna in poche ore ed è attualmente dichiarato fallito. A seguito delle difficoltà del gruppo FTX, sembra che abbia cercato rifugio in un luogo segreto per la sua sicurezza.

Creata nel 2019, la piattaforma FTX exchange si è rapidamente affermata nel panorama delle criptovalute. Al suo apice e prima della sua bancarotta, FTX era uno dei principali concorrenti dei leader Binance e Coinbase. L’exchange FTX si specializzava nel trading di vari derivati criptovalutari. Ripercorriamo la caduta di questo impero costruito su una base fragile.

Il caso FTX exchange: un’entità senza precedenti nel mondo delle criptovalute

Il caso FTX è una serie di scoperte piuttosto incredibili. Tutto è iniziato il 2 novembre 2022. In quel giorno, Alameda Research, il fondo di investimento creato da Sam Bankman-Fried, il fondatore di FTX, ha confermato che potrebbe trovarsi in uno stato di insolvenza se il FTT (il token nativo della piattaforma FTX criptovaluta) avesse perso valore.

Rapidamente, Changpeng Zhao, il fondatore di Binance, ha annunciato la vendita dei token FTT detenuti dalla sua piattaforma di scambio. Una vendita graduale. Nel frattempo, Alameda Research ha offerto a Binance di acquistare i suoi token FTT a $22 l’unità, offerta che è stata rifiutata, causando una diminuzione del valore del FTT del 25%.

Questo crollo ha portato alla diminuzione del valore del Solana, in cui FTX aveva investito. Ma non solo. Molte aziende e fondi d’investimento che avevano investito massicciamente nell’ecosistema FTX si sono trovati intrappolati. Binance ha proposto l’acquisto di FTX che nel frattempo ha sospeso i prelievi. Alla fine, Binance non ha salvato FTX. Alla fine, è stato l’intero ecosistema a tremare. La caduta è stata terribile e drammatica per i principali attori del sistema, in particolare Sam Bankman-Fried. Ripercorriamo questi eventi e le terribili perdite che hanno scosso l’universo delle criptovalute.

Il proseguimento di Sam Bankman-Fried e dei suoi associati

Molto rapidamente e come annunciato di seguito, Sam Bankman-Fried non ha esitato a saltare fuori dalla barca che stava affondando. Si è dimesso dalla guida del FTX Group nel novembre 2022, pochi giorni prima del fallimento del gruppo, che deteneva più di 130 società a livello globale. Questa azione ha inizialmente attirato l’attenzione su eventuali comportamenti da parte sua, e non è passato molto tempo prima che diventassero evidenti le numerose e gravi irregolarità gestionali al vertice del gruppo.

Successivamente, mentre FTX era in pieno caos, SBF non ha chiaramente scelto la via della discrezione. Purtroppo, questa scelta non gli è stata favorevole! Nonostante la sua partecipazione a conferenze dalle Bahamas e nonostante il parere generale dei suoi avvocati, è stato rapidamente considerato responsabile del fallimento di FTX.

In fuga e non intenzionato a recarsi negli Stati Uniti per rispondere delle sue azioni, poiché secondo lui aveva “appena centomila dollari sul suo conto dopo il fallimento di FTX”, è stato arrestato dalle autorità delle Bahamas, che gli hanno anche attribuito altre azioni illegali. La sua estradizione non si è fatta attendere, ed è stata accettata il 21 dicembre 2022 verso gli Stati Uniti. Lo stesso giorno è tornato nel suo paese d’origine, dove lui e i suoi colleghi Caroline Ellison e Gary Wang sono stati incriminati per numerose accuse tra cui la bancarotta di FTX. Mentre gli ultimi due sono riusciti a negoziare gradualmente con le autorità locali per evitare pesanti pene detentive, SBF ha scelto di dichiararsi non colpevole nel processo legato al fallimento di FTX.

Primo piano del fondatore di FTX cripto in sala stampa

Un impatto significativo sull’universo delle criptovalute e sulla sua regolamentazione

Anche se non erano direttamente collegate a FTX exchange, molte società di criptovalute hanno subito le conseguenze di questa prima grande vicenda mediatica. Gli asset hanno subito un notevole calo e il fallimento di FTX rimane fino ad oggi una delle vicissitudini più significative conosciute da tutto l’universo delle criptovalute.

La società Genesis, nota per essere stata fondata dai fratelli Winklevoss, la cui storia è legata alla creazione di Facebook, ha dichiarato bancarotta ad esempio nel gennaio 2023. Faceva parte di molte società che sfruttavano alcuni servizi di FTX exchange, soprattutto come prestatori nel mondo delle criptovalute.

In modo sorprendente, alcuni protagonisti centralizzati, eppure di solito distanti dal mondo delle criptovalute, hanno anche avuto problemi a seguito di questa mareggiata. Si pensi alle banche che avevano scelto di offrire alcune funzionalità verso questo mondo decentralizzato. Ad esempio, la banca americana Silvergate Bank ha perso due terzi dei suoi clienti in un trimestre.

Il crollo di FTX echange è stato messo in evidenza anche dalle perdite subite da molte star dello sport che sostenevano il progetto fin dai suoi primi giorni. Si pensi, ad esempio, a Tom Brady e sua moglie Gisele Bündchen, Stephen Curry o Shaquille O’Neal.

In generale, l’impatto sull’industria è stato catastrofico. Tuttavia, la giurisprudenza ha introdotto nuove garanzie e le prime leggi degne di nota per regolare e soprattutto proteggere gli investitori. Specialmente in Europa. Ad esempio, in Francia, tutti i fornitori di servizi su asset digitali (PSAN) devono ora sottoporsi a una registrazione più approfondita presso l’autorità dei mercati finanziari a partire dal 1° luglio 2023 per proteggere tutti i clienti e potenziali investitori presenti nel paese.

Il fondatore di FTX cripto in sala stampa con l'intervistatore

Un’indagine che evidenzia anche tangenti

Negli Stati Uniti non si scherza con la corruzione. A volte, la linea tra una semplice donazione e una pratica illecita è molto sottile, e questa sarà una delle principali questioni affrontate nel prossimo processo di FTX exchange.

La società FTX è stata piuttosto generosa nel corso degli anni, in particolare nei confronti dei membri del Congresso degli Stati Uniti. Ad esempio, più di un terzo dei membri ha ricevuto una donazione dalla società, e personalmente Sam Bankman-Fried è stato il secondo maggiore donatore della campagna presidenziale di Joe Biden negli Stati Uniti.

Se questi pagamenti possono essere considerati legittimi o legali, è già stato stabilito che FTX ha versato tangenti, contrarie alla legge. Infatti, FTX ha già versato 40 milioni di dollari a funzionari cinesi per recuperare attività congelate in passato. Questa corruzione all’estero è una delle principali accuse contro SBF.

Le regolamentazioni della piattaforma FTX

Torniamo ora alle diverse regolamentazioni che circondavano la piattaforma FTX exchange prima del suo fallimento su larga scala. Si osserva che sulla carta nulla faceva presagire una frode di questa portata, poiché la piattaforma FTX era regolamentata da organismi di riferimento a livello globale ed era considerata affidabile.

È importante notare che la piattaforma e l’intero suo ecosistema erano basati in diversi luoghi, a seconda delle divisioni commerciali legate a diverse funzioni all’interno dell’azienda. TX Trading Limited è ora in bancarotta ed era basata ad Antigua e Barbuda. FTX Digital Markets Ltd, una controllata di FTX Trading Ltd, era autorizzata ai sensi della legge delle Bahamas sugli asset digitali e gli scambi registrati (Digital Assets and Registered Exchange Act) del 2020 e regolamentata dalla Commissione per i titoli delle Bahamas (“Securities Commission of the Bahamas”).

Se desiderate investire in criptovalute, tenete presente che ci sono piattaforme molto più affidabili. eToro ne è un esempio. 

eToro

  • Investi con semplicità
  • Ampia scelta di asset
  • Social trading innovativo

 

Riguardo alla filiale europea di FTX exchange, K-DNA Financial Services Ltd garantiva sicurezza e affidabilità grazie alla sua registrazione a Cipro. FTX aveva ottenuto l’approvazione della CySEC, la Commissione cipriota per i titoli e i cambi (numero di licenza 273/15). La CySEC è l’equivalente dell’Autorité des Marchés Financiers (AMF) in Francia e quindi è riconosciuta in tutto il continente europeo.

Infine, la piattaforma FTX exchange non era regolamentata negli Stati Uniti. Gli utenti statunitensi dovevano utilizzare la piattaforma FTX US, appositamente progettata per rispettare le direttive particolari degli Stati Uniti e dell’autorità di regolamentazione dei mercati (la SEC) in materia di criptovalute.

L’exchange FTX è sicuro?

Qualche anno fa, la piattaforma FTX exchange era considerata una delle più importanti nell’universo delle criptovalute, ed era del tutto legittimo pensare che fosse affidabile. Tuttavia, molto è cambiato, e oggi la piattaforma FTX non è sicura e non è nemmeno più accessibile.

FTX è in bancarotta, quindi gli asset di migliaia di utenti sono bloccati e probabilmente persi per sempre. Dopo diverse settimane di latitanza, il fondatore dell’azienda è finalmente stato catturato per le sue lacune ed è attualmente sotto processo. Al momento, circa 50 miliardi di dollari sono scomparsi, solo in valore di asset per gli investitori che hanno fiducia in FTX exchange.

In sintesi, se volete investire in criptovalute, assicuratevi di scegliere piattaforme affidabili che mettono in primo piano la sicurezza degli investitori. Binance, ad esempio, è una piattaforma di riferimento a livello mondiale, e frequentemente offriamo diverse guide sulle migliori piattaforme criptovalutarie per aiutarvi a selezionare quella più adatta alle vostre esigenze. L’universo delle criptovalute rimane altamente volatile, ma alcune delle migliori aziende del settore stanno facendo del loro meglio per offrire investimenti affidabili e sicuri.

Coinbase

  1. Interfaccia utente intuitiva
  2. Vasta gamma di criptovalute
  3. Elevati standard di sicurezza

Vantaggi e Svantaggi Di FTX

  • Attenzione: non raccomandiamo più FTX.
  • Il sito è inattivo da quando è stata annunciata la bancarotta del FTX Group.
  • Dai 10 ai 50 miliardi di dollari sono scomparsi
  • e i fondi degli utenti sono ancora bloccati.

FAQs - Domande Frequenti

La sede principale di FTX era a Nassau, nelle Bahamas. Prima del suo crollo, la piattaforma era riconosciuta dalla CySEC in Europa.
Sam Bankman-Fried era il fondatore e CEO di FTX prima del suo crollo. Attualmente è in attesa di giudizio.
La piattaforma FTX offriva numerosi vantaggi, tra cui la possibilità di investire in derivati di criptovalute tramite opzioni inizialmente concepite solo per trader professionisti. Poco dopo la sua creazione nel 2019 e poco prima del suo crollo, la piattaforma era la terza al mondo in termini di volume di scambi secondo i dati di CoinMarketCap.
Non è più possibile investire in FTX.
Arresti domiciliari a Palo Alto, è adesso in carcere e “SBF” è sotto processo a partire dall’ottobre 2023. Il fondatore di FTX è accusato di una decina di reati solo negli Stati Uniti e potrebbe affrontare una condanna fino a 115 anni di carcere sul suolo americano.
Nel novembre 2022, una class action è stata presentata a Miami contro il fondatore di FTX, ma anche contro diverse celebrità che hanno investito o promosso pubblicamente questa piattaforma. Si pensa a David Ortiz, Naomi Osaka, Tom Brady o Trevor Lawrence, molto amati e seguiti negli Stati Uniti. Come per il resto, il processo previsto per l’ottobre prossimo dovrebbe chiarire il ruolo di ciascuno e quindi stabilire se queste personalità pubbliche, anch’esse, hanno perso una grande somma di denaro in questa caduta.